Ognuno di noi ha una storia da raccontare ...



PER PARTECIPARE MANDA UNA EMAIL ALL'INDIRIZZO    cisono@socy.it   

Nel Menu c'è la voce HELP per l'uso delle icone.

GUARDA DI SEGUITO CHI HA GIA' PARTECIPATO E GRAZIE !!!

 



      LA SVOLTA      

Uscivo da una storia d'amore volta al peggio e trovai tra le braccia di un'altra donna il desiderio di riscatto. Mi feci inebriare dalla sua sessualità ma anche dall'atmosfera del suo paese, dalle nuove amicizie che avevo fatto, dalla sua famiglia: mi sentivo un re. Tanto ero preso dalla situazione che rinnegai i sacrifici e gli insegnamenti dei miei genitori, rinnegai il lavoro che avevo guadagnato e mi ci buttai dentro senza pensare. Cosi', tra spese esagerate e divertimenti vari mi trovai sul lastrico. Tutto lo stipendio andava via in debiti. Rovinato si, ma nell'animo no. Cosi' andai alla ricerca di un secondo lavoro: trovai un impiego come giardiniere; non avevo attrezzi, strappavo le erbacce con le mani nude, zappavo terreni duri come la roccia sotto il sole cocente, tornavo a casa a pezzi. Persi la casa e poi il divorzio fu un'altra mazzata. Ricordo ancora la sera, solo, in affitto, che guardavo le mani devastate e la gente che passeggiava nel viale proprio come facevo io. Un giorno, andando al lavoro, incrociai un ragazzo che sapevo essere dipendente dalle droghe che spingeva su per una salita impressionante una cariola piena di pietre (doveva essere pesantissima !!!). Egli non si arrendeva, spingeva quella cariola a piccoli passi stringendo i denti, ma non cedeva. Fu li' che decisi di non arrendermi, di non cedere alla tristezza. Avevo toccato il fondo ma non poteva finire cosi'. Ricominciai ad aver fiducia in me stesso, in quelle mani devastate dalla fatica, con tanta speranza nel cuore. E cosi' fu: trovai la donna giusta, comprai una casa piu' piccola, mi riconciliai con la mia famiglia, ebbi figli e pian piano sanai tutti i debiti che avevo.



      LA VACANZA SU AL NORD      

Non avevamo ancora deciso dove andare in vacanza quell'estate. Poi un amico mi propose di andare in un Paese del nord Europa in tre e cosi' fu. Approfittammo di un'ottima offerta "fly & drive" volo + auto a nolo. La vacanza fu molto bella pero' le ragazze, incredibile, una piu' bella dell'altra. In piu' erano tutti biondi sia i ragazzi che le ragazze e noi tre che eravamo scuri (in gergo moderno) spaccavamo !!! In ogni luogo in cui sostavamo che fosse un campeggio o un bed&breakfast al sapere che eravamo italiani scattava subito la partitella a calcio. Una mattina andammo in spiaggia, tutti i ragazzi erano seduti guardando il mare ma nessuno era in acqua; il nostro inglese non era cosi' fluido e ben strutturato come il loro e quindi invece di chiedere il perche' di quel comportamento, provammo direttamente. Mettemmo i piedi in acqua e aime' era ghiacciata e strapiena di meduse giganti !!! Uscimmo correndo e questo comportamento attiro' forse l'attenzione di una ragazza stupefacente. Era cosi' bella che nessuno dei tre riusci' ad avvicinarsi, eravamo stupefatti. Ricordo che era a seno nudo e portava le cuffie audio. Lei si distese sulla sabbia e noi rimanemmo li' come tre provoloni. Ci guardammo in viso ed io dissi loro:'' ci provo io ''. Mi tremavano le gambe ma andai. Mi inginocchiai e cominciai nel mio inglese abbozzato a raccontarle qualsiasi cosa mi venisse in mente. Parlai forse per 15 minuti e lei non mi degno' affatto. Non so cosa mi prese, mi chinai, le tolsi delicatamente le cuffie audio e la baciai (nel gergo moderno) a stampo. Poi le chiesi:''want you an other kyss ?'' (vuoi un altro bacio?) e lei mi rispose ... YES (SI).